Lettera ad un ladro

Caro ladro,

caro si fa per dire, ti diamo del tu perché ad oggi contiamo un totale di almeno 4 visite alla nostra serra e ormai sei un po’ di casa anche tu. Non facciamo l’elenco di ciò che è sparito ma sottolineamo il forte disagio che la mattina si prova nel vedere lucchetti spaccati e attrezzatura necessaria al lavoro sparita. Non crediamo ti stai godendo il frutto del tuo furto perché in genere si apprezza davvero ciò che si è sudato e ottenuto onestamente. Qui agli ORTI APERTI (è tutto aperto, facile entrare eh!) ci impegniamo tutti i giorni sia quando il sole picchia forte in piena estate che quando è tutto gelato, comprese le nostre estremità. Il nostro è un progetto che mira a dare opportunità lavorative e a generare benessere condiviso. La prossima volta che entri qui, nel buio della notte, con la tua torcia prova a leggere i cartelli che spiegano chi siamo e cosa facciamo e se poi ti rendi conto ancora di aver bisogno di qualcosa, puoi chiedercela! Non vogliamo stare nel ruolo di “vittime”, anche tu giustificherai il tuo atto in quanto vittima di un sistema ingiusto. Tutti ci possiamo sentire vittime delle ingiustizie di cui è pieno il mondo; “se tu potessi parlare in confidenza con il tuo magistrato di sorveglianza scopriresti forse che anche lui si sente vittima, che dopo anni di sacrifici, studi, concorsi, forse ha dovuto accettare quel ruolo per stare vicino a casa mentre i raccomandati magari sono capo della procura. Come vedi ognuno di noi ha le sue buone ragioni per interpretare il ruolo di vittima” (cit.); la vita è sicuramente sacrificio e non spetta a noi condannare nessuno. Qui crediamo che ognuno di noi, a partire dal proprio orticello, gioca il suo piccolo ruolo (ma non trascurabile) nella creazione di problemi o soluzioni globali. Non è difficile scoprire che la fatica può portare anche ad una certa soddisfazione, quindi noi torneremo a rimboccarci le maniche continuando a pagare le tasse e lavorando al meglio delle nostre possibilità.

lo staff
ORTI APERTI Fior di Carota

No Comments Yet.

Leave a reply